Il frigorifero: la nascita e le tipologie

Il frigorifero la nascita e le tipologie

Il frigorifero

Come tutti sappiamo, il frigorifero ha il preciso scopo di conservare alimenti che hanno bisogno di basse temperature per mantenersi. Difatti questi elettrodomestici raffreddano gli alimenti in modo un po’ inusuale, ossia sottraggono il calore dagli alimenti stessi per poi espellerlo. Ma come è fatto un frigorifero? Esso è composto da una scocca esterna in lamiera, da un rivestimento interno isolante, e da un circuito frigorifero corredato dall’impianto elettrico.

La scocca esterna viene impiegata lamiera liscia in modo da evitare la formazione di ruggine con il passare degli anni. Al corpo esterno del frigo viene collegata ”la porta” attraverso elementi non metallici o termicamente isolati, in modo da evitare fenomeni di dispersione del freddo dall’interno all’esterno, che provocherebbero la creazione di goccioline sul corpo esterno del frigorifero.

La tenuta tra la porta e il frigorifero viene garantita da delle guarnizioni in plastica o in gomma.
La controporta invece è realizzata attraverso del materiale plastico in modo da formare degli spazi per la conservazione di burro, bottiglie o vasetti.

La cella interna del frigorifero è costituita da del materiale plastico o da alluminio. Il vano frigorifero interno è suddiviso da dei ripiani, che hanno lo scopo di permettere l’ottimale circolazione dell’aria fredda.

Infine il circuito frigorifero è incaricato della produzione di freddo, esso si trova immerso nell’intercapedine e posizionato nella parte retrostante del frigorifero. Il dispositivo che produce il freddo si chiama evaporatore e si trova all’interno della cella.

Come è nato il frigorifero

Prima di arrivare alla nascita del frigorifero, la storia vede diversi studi ed esperimenti.
Nel 1748, William Cullen brevettò la macchina refrigerante, nel 1805 fu progettata da Oliver Evans una macchina per il freddo funzionante a vapore, ma nel 1834 Jacop Perkins realizzò il primo frigorifero domestico a schema di compressione. Ma ad ogni modo per convezione, l’ideatore del frigorifero è considerato John Gorrie che ottiene il brevetto nel 1851.

Ad ogni modo l’invenzione vera e propria risale al 1859 quando Ferdinand Carrè inventò il sistema di refrigerazione liquidi. Agli inizi si utilizzava l’ammoniaca, però era corrosiva, dunque nel 1931 fu sostituta dal Freon, ma negli anni Settanta fu accusato di essere responsabile del buco nell’ozono. Dunque fu inventato il frigorifero alimentato a gas, a elettricità o a petrolio nel 1944 grazie alla società Svizzera Sibir.

Questa invenzione non era alla portata di tutti, difatti solo negli anni Cinquanta con lo sviluppo economico, il frigorifero è entrato nelle case di tutti cambiando la società. La diffusione di esso è arrivata quando le ditte produttrici abbassarono i prezzi.

Infine per quanto riguarda il congelatore bisogna aspettare gli anni Settanta.

Le tipologie di frigoriferi

Frigomag.it è un sito di elettrodomestici, più precisamente come avrete capito, riguarda la vendita di frigoriferi.

Esistono diversi tipi di frigoriferi:
• il frigorifero a monoporta, esso è costituito da una sola porta ed è generalmente senza congelatore, inoltre alcuni modelli hanno una piccola cella interna che ha lo scopo di congelatore;

• il frigorifero a doppia porta, è tendenzialmente quello più tradizionale con il vano frigo nella parte inferiore e il freezer nella parte superiore. Inoltre questo modello ha il congelatore meno capiente rispetto al vano frigorifero;

• il frigorifero combinato, è il più diffuso, è simile al modello doppia porta ma il congelatore si trova nella parte inferiore, mentre la zona frigorifero si trova nella parte superiore. È molto più pratico e può essere alimentato da due motori per un avere un maggiore risparmio energetico;

• il frigorifero side by side, è quello tipico americano con due porte verticali, quella di sinistra, solitamente più piccola, apre il congelatore, quella di destra invece apre il vano frigo;

• il frigorifero french door, nonostante il nome, è un modello americano, è costituito da due porte verticali che aprono la zona frigo nella parte superiore, mentre nella parte inferiore ci sono una o due porte orizzontali che danno sul comparto congelatore;

• il frigorifero a 4 porte, è un altro modello americano che generalmente ricorda un armadio a quattro ante, suddivise in orizzontale e verticale, nella parte superiore c’è il comparto frigo, in quella inferiore il comparto congelatore. Questo è un modello molto capiente grazie proprio alla suddivisione degli spazi.